I documenti da tenere in cantiere

documenti da tenere in cantiereEsiste una precisa e obbligatoria documentazione che si deve tenere in cantiere per garantire una gestione della sicurezza a norma di legge. Occorre tenere a mente che spesso questo adempimento fondamentale può risultare oneroso perché la mole di documenti da produrre e conservare in cantiere è notevole e interessa diversi ambiti. Oltre agli elementi di carattere generale (come i piani di lavoro, i piani di sicurezza, la notifica preliminare e i tesserini di riconoscimento) devono essere presenti anche moduli specifici in merito alle attrezzature e i macchinari utilizzati nel cantiere stesso.

In questo modo sono i documenti possono essere immediatamente esibiti dietro richiesta delle autorità preposte alla vigilanza nei cantieri e al controllo del rispetto delle norme di sicurezza.

Il direttore dei lavori ha l’obbligo di accertarsi che la documentazione di cantiere sia presente sul luogo di lavoro e sia sempre completa ed è responsabile di questo adempimento di fronte alla legge.

Quali sono i documenti di carattere generale

I documenti di carattere generale sono:

  • copia del contratto di appalto e degli eventuali subappalti;
  • atto che certifica la proprietà da parte del committente del terreno o dell’immobile interessato dall’opera in cantiere;
  • copia autenticata del permesso del costruire emesso dall’Ufficio Tecnico del Comune competente per territorio;
  • copia conforme e autenticato del progetto da realizzare;
  • estremi delle denunce dei lavoratori a casse edili, INAIL e INPS;
  • copia delle ricevute attestanti il pagamento degli oneri per le opere di urbanizzazione;
  • dichiarazione sul contratto collettivo per i lavorali del settore;
  • copia di piani di sicurezza che devono essere stati formati dal datore di lavoro e dal coordinatore per l’esecuzione;
  • copia del certificato attestante l’iscrizione dei lavoratori autonomi impiegati in cantiere e dell’esecutore dei lavori alla C.C.I.A.A.;
  • copia del piano di sicurezza e coordinamento firmato dal committente e dal coordinatore per la progettazione;
  • fascicolo tecnico per la prevenzione rischi sul lavoro, che deve essere stato formato dal responsabile dei lavori e dal coordinatore per la progettazione;
  • parere sui vincoli ambientali da parte della Regione o del Ministero preposto;
  • denuncia alla Soprintendenza in materia di beni archeologici e storici;
  • parere favorevole da parte dell’ASL locale sul livello di igiene dell’opera da realizzare, comprese specifiche per lo smaltimento delle acque reflue e l’approvvigionamento idrico;
  • parere favorevole da parte dell’Azienda comunale responsabile della rete idrica;
  • copia degli elaborati, attestato della presentazione del progetto e relazione sui materiali;
  • certificazione di conformità degli impianti;
  • documenti che attestano la designazione della ditta edile incaricata dell’opera e del ricevimento dell’incarico, la trasmissione del piano di sicurezza alle imprese esecutrici, ai rappresentanti dei lavoratori e al coordinatore responsabile della sua attuazione;
  • progetto autorizzato per l’allaccio alla rete fognaria pubblica;
  • autorizzazione al cantiere da parte dei Vigili del fuoco;
  • attestato della mancanza di oneri sul terreno in questione da parte dell’assessorato regionale agli usi civici.

Quali sono i documenti obbligatori per le attrezzature di cantiere

Per quanto riguarda la documentazione relativa alle attrezzature e ai lavoratori devono essere tenuti in cantiere:

  • il certificato di conformità dell’impianto elettrico utilizzato nel cantiere stesso, al quale bisogna allegare l’elenco dei materiali impiegati e lo schema di funzionamento;
  • il verbale di verifica periodica del sistema di protezione contro le scariche elettriche atmosferiche e dell’impianto di messa a terra;
  • l’eventuale piano di lavoro per rimozione amianto o demolizioni edili;
  • il libretto del ponteggio con tutti gli allegati previsti (schemi con indicazione del massimo sovraccarico, istruzioni per il carico e calcolo del ponteggio) e copia conforme del progetto;
  • i certificati medici di idoneità al lavoro per ogni membro del personale edile;
  • la copia della dichiarazione di conformità inviata all’ARPA, ASL o ISPEL riguardante l’impianto di protezione contro le scariche atmosferiche;
  • i libretti di manutenzione e dichiarazione di conformità CE per tutte le apparecchiature e ogni macchinario utilizzato in cantiere;
  • il libretto per le verifiche trimestrali riguardanti le catene e le funi impiegate per il sollevamento;
  • la certificazione attestante che le apparecchiature e i macchinari impiegati non superano i limiti di legge previsti per le emissioni acustiche;
  • nel caso siano previste demolizioni di notevole entità il programma di lavori in merito;
  • nel caso siano messi in opera mensole o casseforme a tunnel lo speciale piano antinfortunistico per la loro installazione. Lo stesso vale se sono previsti elementi prefabbricati da montare in cantiere;
  • il registro delle vaccinazioni antitetaniche e il registro delle visite mediche obbligatorie riguardanti ogni singolo operaio che lavora nel cantiere a cui vanno allegate le schede mediche periodiche;
  • il registro di cantiere attestante i nomi del personale impiegato giornalmente, certificato dalla Direzione Provinciale del Lavoro.